LA FATA MATEMATICA: IL PASSO SUCCESSIVO

30 Settembre 2014

Unnamed

Lo spettacolo è interpretato dalla grande attrice GALATEA RANZI  e con  GIANLUIGI FOGACCI scritto e diretto da VALERIA PATERA, regista/drammaturga nota in Italia e all'estero per i suoi prestigiosi spettacoli focalizzati sulle grandi storie della scienza come  quelle di Alan Turing, Rita Levi-Montalcini, Charles Darwin, Max Perutz e che ora taglia il nastro con una nuova eroina da far conoscere al pubblico.

Il debutto cade esattamente nel giorno della ricorrenza di ADA’S DAY,  celebrazione internazionale che ogni anno dedica una giornata alla figura di ADA BYRON LOVELACE alla cui vita e pensiero lo spettacolo si ispira.

Ada fu il frutto dell’unico matrimonio  del poeta romantico Lord Byron con Annabella Milbanke e nel corso della prima metà dell'Ottocento, sullo sfondo della prima rivoluzione industriale, in un momento fervido di scoperte e invenzioni, vive una vita breve ma intensissima, avventurosa e drammatica, tra visioni del futuro, matematica, figli, debiti di gioco, amanti e un cancro che interruppe la sua vita alla stessa età, trentasei anni,  in cui morì anche il padre poeta. 

Donna con forte vocazione alla libertà e all’autonomia, contro le regole imposte alle donne dall’Inghilterra vittoriana, Ada era creatura di fervida immaginazione poetica e al contempo di acuta mente matematica, incline al piacere e alla libertà e sprezzante verso le convenzioni e le ipocrisie sociali. Costretta dalla madre a stare lontana dal padre, dopo il divorzio a soli sei mesi dalla sua nascita, le viene  imposta una rigorosa formazione scientifica che la farà però innamorare dei numeri ai quali dedicò la vita.

Fatale fu l’incontro con il noto matematico Charles Babbage con il quale collaborò alla progettazione della Macchina Analitica,  di fatto il precursore del moderno computer in quanto macchina multifunzionale  e programmabile attraverso un sistema di schede perforate ispirato al telaio meccanico di Monsieur de Jacquard. 

Ada Byron Lovelace è considerata la prima programmatrice della storia del computer e alla sua memoria sono stati organizzati premi e concorsi e, come riconoscimento del suo fondamentale apporto  scientifico  nel 1979, 127 anni dopo la sua morte, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti diede il nome di Ada ad un linguaggio di programmazione.

Lo spettacolo intreccia poesia e scienza, passato e presente, tecnologia e immaginazione evocando con toni poetici e coinvolgenti, in un intreccio di parole, musica e immagini, i passaggi fondamentali della vita di questa donna straordinaria che ha contributo alla realizzazione del mondo tecnologico in cui viviamo.  

Nel 2015 ricorrerà il bicentenario della sua nascita e  sarà celebrato in molte città e università del mondo.

Lo spettacolo andrà in tournée in Italia, i l testo, già premiato dalla Bogliasco Foundation sarà pubblicato in lingua italiana e inglese in un volumetto edito dalla edizioni La Sapienza e in programma  una produzione dello spettacolo in lingua madre a Londra.

Biglietti: In serale e pomeridiana€ 18+1 di prevendita – ridotto 15+1 di prevendita.  

Riduzione studenti € 13,00 + € 1,00 di prevendita. Presentando il biglietto dello spettacolo si può accedere gratuitamente al Museo Storico della Comunicazione all’EUR.  

Info e prenotazioni: Barbara Gai Barbieri (Direttore Organizzativo)

Tel./ Fax 06.44248154 - Cell. 320.2773855 - e-mail: info@teatroarcobaleno.it